I Tetti di Lu.sa restauri

l tetto ventilato oggi rappresenta la miglior soluzione per una perfetta coibentazione acustica e termica.

Il tetto ventilato permette d’incamerare aria fresca, proveniente dall’esterno (dalla gronda), che riscaldandosi segue il tragitto a salire sotto i coppi o le tegole per poi fuoriuscire dal colmo. Questo meccanismo del passaggio d’aria contribuisce a coibentare nel miglior modo possibile un ambiente sottotetto, ed inoltre comporta un notevole risparmio energetico.

 I vantaggi del tetto ventilato in estate e in inverno:

In inverno, disponendo del tetto ventilato, e quindi di una corretta circolazione d’aria, si eviteranno condense e possibilità che il materiale isolante si impregni di acqua. Inoltre, in caso di nevicate, la ventilazione, permetterà lo scioglimento uniforme della neve sul tetto evitando che si formino barriere di ghiaccio.

In estate, l’aria che penetrerà dalla gronda, si riscalderà nell’intercapedine per effetto dell’irraggiamento, ma diventando più leggera e avendo una porta aperta verso l’esterno, fuoriuscirà dal colmo o dalla scossalina, evitando così un accumulo di calore all’interno del materiale di copertura. Efficiente nella zona di chiusura. E’ quindi utile considerare spessori di isolanti termici maggiori rispetto ad un analogo tetto chiuso.

I nostri progetti

Tetto Biblioteca Comunale

Cilavegna
Prima
Mentre
Dopo

Rifacimento manto di copertura condominio

Pavia
Prima
Mentre
Dopo

Rifacimento manto di copertura condominio

Via Riviera , Pavia
Prima
Mentre
Dopo

Rifacimento tetto

Viale Golgi , Pavia
Prima
Mentre
Dopo

Tetto

Cascina San Martino
Prima
Mentre
Dopo

Tetto Ventilato Coibentato

Villa Bressana
Prima
Mentre
Dopo

Tetto

Villa, Pavia
Prima
Mentre
Dopo

Tetto Villa

Via Calchi
Prima
Mentre
Dopo

Tetto Villetta con Fotovoltaico

Montù Beccaria
Posa Travetti
Posa Isolante
Dopo

Perché un tetto possa essere definito ventilato, è importante che ci sia nella sua costruzione:

  • struttura portante e perlinatura;
  • telo di tenuta, ossia un freno vapore;
  • coibentazione, con uno spessore minimo di 16 cm, per la protezione soprattutto dal caldo;
  • protezione dal vento ed impermeabilizzazione;