Restauro conservativo: preservare edifici storici

Il restauro e il risanamento conservativo servono a preservare, o recuperare, le caratteristiche principali di un edificio per fare in modo che sia, o torni a essere, funzionale. Gli interventi conservativi devono, quindi, rispettare gli elementi topologici, formali e strutturali dell’immobile stesso, in particolar modo se questo ha valenze storiche e architettoniche.

Interventi di restauro e risanamento conservativo

Il pericolo più grande che corre un edificio storico è quello di essere abbandonato a sé stesso, le conseguenze possono essere molto gravi e possono avere ripercussioni sia sulla stabilità stessa della struttura, che senza un’adeguata manutenzione potrebbe cedere, che sugli elementi che lo compongono che, a causa della trascuratezza e degli effetti degli agenti atmosferici, potrebbero deteriorarsi.

Poiché non è conveniente investire risorse in immobili che rimarranno utilizzati, l’unica soluzione per preservare un edificio storico è quello di usarlo con funzioni nuove e di mettere in atto interventi di restauro conservativo.

In alcuni casi è possibile intervenire con lavori di manutenzione ordinaria e, se necessario, straordinaria che sono poco invasivi e che vengono eseguiti su edifici che non hanno caratteristiche storiche da preservare.

Quando invece si vuole restituire a un edificio storico una nuova funzionalità, sono necessari interventi mirati di restauro e risanamento conservativo. Le lavorazioni che rientrano in queste categorie sono, infatti, finalizzate a:

  • consolidare la struttura degli immobilie;
  • rinnovarne, o ripristinarne, gli elementi essenziali;
  • realizzare gli accessori e gli impianti necessari a nuove esigenze di uso;
  • eliminare elementi superflui.

Il restauro conservativo e il risanamento conservativo si differenziano per alcuni aspetti.

Il primo è finalizzato a conservare, recuperare e valorizzare gli elementi di carattere storico, artistico e architettonico di un edificio. Questo tipo di intervento prevede anche la possibilità di utilizzare materiali e tecniche diverse da quelle originarie, sempre nel rispetto delle caratteristiche principali dell’edificio stesso.

Il secondo, invece, ha come obiettivo principale quello di recuperare un edificio sotto gli aspetti igienici, statici e funzionali. Spesso si rendono necessari interventi di consolidamento, di integrazione degli elementi strutturali e di modifica della planimetria originaria.

Sia il restauro conservativo che il risanamento possono essere realizzati per modificare la destinazione d’uso degli edifici, a parte che le nuove funzioni siano compatibili con le caratteristiche formali e strutturali dell’immobile.

LU.SA Restauri si occupa di interventi di restauro e di risanamento conservativo di edifici e ambienti sia pubblici che privati. Contattaci per un sopralluogo o per una consulenza, metteremo a tua disposizione la nostra professionalità.

I Nostri Restauri

Restauro Chiesetta

Casa Bianca
Prima
Mentre
Dopo

Restauro Taverna

Montù Beccaria
Prima
Dopo
Dopo